Aggiungi ai preferiti | Recensioni | Guide alla scelta | Tabelle comparative | Contatti | Aiuto
Trova
Esempio: lettore mp3, Ipod, Tapis Roulant
Guide all'acquisto:

Monitor

Invia ad un amico

Monitor LCD (a cristalli liquidi)


L’acronimo LCD sta per Liquid Crystall Display, ‘schermo a cristalli liquidi’.

È la luce polarizzata a consentire il funzionamento dei monitor LCD, complessivamente composti da sette strati.
Ricordiamo che la polarizzazione è il fenomeno per cui le vibrazioni di un'onda elettromagnetica, in questo caso luminosa, avvengono costantemente in un determinato piano oppure secondo un'elica circolare o ellittica.

La luce, prodotta da lampade a fluorescenza, viene polarizzata dopo avere attraversato un filtro polarizzante penetrabile soltanto da vettori luminosi sistemati su piani paralleli. Un pannello provvede a polarizzare la luce per piani verticali; altri due pannelli posti in posizione centrale contengono uno strato di celle con i cristalli liquidi; un altro pannello posto più esternamente ai precedenti polarizza la luce per piani orizzontali. Il sistema si chiude con il cristallo di cui è composto il display LCD.

I cristalli liquidi sono costituiti da molecole a uno stato prossimo a quello liquido. Il loro comportamento fisico è ordinato ma è modificabile laddove interviene la stimolazione elettrica causata da un campo elettrico. Infatti i cristalli liquidi in stato di quiete sono collocati nelle celle secondo la struttura a elica (solo nei monitor LCD a matrice passiva; le strutture dei monitor a matrice attiva dipendono dalla tecnologia impiegata) che fanno entrare il fascio di luce polarizzata orizzontalmente e lo trasformano in fascio di luce verticale ruotandolo di 90°. Solo in questo modo questo può passare attraverso il filtro polarizzante per piani verticali, a cui abbiamo già fatto cenno, fino a sopraggiungere all’occhio umano.

Il singolo pixel del monitor è composto da  tre sottopixel, ognuno dei quali corrisponde a uno dei tre colori primari rosso, verde e blu (RGB, cioè red, green, blue), che opportunamente illuminati generano le differenti tonalità di colore.

I monitor LCD possono essere a matrice passiva oppure a matrice attiva. Vediamo qual è la differenza.



 
© 2006 - 2014 Migliorscelta.it | Termini di utilizzo | Privacy
Copyright 2006 - 2014 Digital 2000 Srl - tutti i diritti riservati - P.IVA 06868120152
E' espressamente vietato riprodurre e diffondere, integralmente o parzialmente, i contenuti del sito senza autorizzazione scritta della Digital 2000 Srl.
E' possibile richiedere l'autorizzazione scrivendo a: info@digital2000.it . I prodotti e i marchi citati sono di proprietà dei rispettivi titolari