Aggiungi ai preferiti | Recensioni | Guide alla scelta | Tabelle comparative | Contatti | Aiuto
Trova
Esempio: lettore mp3, Ipod, Tapis Roulant
Guide all'acquisto:

Hi-fi e accessori

Invia ad un amico

Diffusori, altoparlanti o casse acustiche hi-fi


I diffusori acustici, detti anche casse acustiche o altoparlanti, sono l’ultimo anello della catena di un impianto stereo hi-fi, detti anche casse acustiche o altoparlanti. Sono la fonte di emissione sonora che traduce i segnali elettrici in vibrazioni sonore e la qualità di questi dispositivi è assolutamente determinante per la resa fonica di tutto il sistema hi-fi. Propriamente, per altoparlante si intende solo l’elemento elettromeccanico che produce il suono, per cassa acustica l’involucro in legno o altri materiali su cui vengono fissati gli altoparlanti e per diffusore l’oggetto risultante dall’unione tra i due elementi. In pratica le tre parole vengono usate spesso come sinonimi di diffusore.

I diffusori possono essere costruiti sulla base di diversi criteri. I più comuni sono la sospensione acustica o il bass reflex. Questi ultimi permettono una migliore diffusione dei suoni a bassa frequenza anche con una potenza dell’amplificatore non elevatissima e quindi con il rischio di distorsioni sul segnale elettromagnetico più ridotto. Attualmente, grazie anche alla possibilità di ottenere grandi prestazioni dagli amplificatori di recente immissione nel mondo hi-fi, si tende a preferire il sistema a sospensione acustica, che effettivamente eroga un volume sonoro un po’ meno robusto specialmente sui bassi ma dà il vantaggio di una maggiore nitidezza.

Diffusori o casse acustiche o altoparlanti hi-fi

Una coppia di diffusori a sospensione acustica

In realtà nessun altoparlante è in grado di riprodurre correttamente ogni frequenza sonora. Per questa ragione nei diffusori di elevata qualità si suddividono le frequenze su più altoparlanti specializzati ognuno a riprodurre fedelmente un certo intervallo di frequenza. In questo caso si parla di diffusori a due vie, se il segnale, mediante un dispositivo elettronico chiamato crossover, viene separato in frequenze basse e alte e inviato a due altoparlanti distinti e collocati nella stessa cassa acustica in posizioni diverse. Oppure di diffusori a tre vie se il segnale viene distribuito su tre altoparlanti differenti (specificamente viene detto woofer l’altoparlante deputato a riprodurre i bassi, midrange quello per i medi e tweeter quello per gli alti). Di recente hanno trovato un crescente apprezzamento i sistemi di diffusione sonora satellitari, composti da piccoli diffusori detti satelliti deputati alle medie e alte frequenze e un diffusore detto subwoofer per i soli bassi, eliminando la tradizionale collocazione di tutti gli altoparlanti corrispondenti a tutte le frequenze da riprodurre in un’unica cassa. Questo sistema offre il vantaggio di essere più facilmente posizionabile nell’ambiente (i satelliti hanno dimensioni minime e il subwoofer può essere posto dove si vuole, dal momento che l’orecchio umano non percepisce la provenienza spaziale dei suoni a bassa frequenza), ma proprio per questo suo posizionamento distribuito in modo più libero nell’area della stanza d’ascolto occorre fare molta attenzione all’ubicazione di ciascun elemento, perché per ottenere la migliore risposta fonica bisogna considerare in modo attento la risonanza di tutta la sala.

Le caratteristiche tecniche principali da tenere in considerazione sono le seguenti.
• La potenza: si tratta della potenza massima applicabile a un diffusore in modo continuativo senza distorsioni apprezzabili e si misura in watt RMS. Il problema è che certi costruttori in realtà parlano di picco, ossia la potenza massima istantanea che il diffusore è capace di sostenere senza danneggiarsi, solo che se questa potenza è protratta l’altoparlante si guasta, quindi questo valore è poco significativo. Nel dubbio e per maggior sicurezza, si usa sempre accoppiare un diffusore con un amplificatore di potenza leggermente inferiore.
• L’impedenza: è la resistenza opposta da un mezzo nell’essere attraversato da un campo elettromagnetico, misurata in Ohm. Più è elevata, minore è la reattività degli altoparlanti a rispondere ai segnali, quindi il risultato è che tendono a produrre un suono meno efficiente. Ciononostante un’impedenza troppo bassa tende ad affaticare il lavoro dell’amplificatore, che per lavorare bene deve applicare il segnale in uscita a un circuito sufficientemente resistente. Normalmente, gli altoparlanti degli impianti hi-fi hanno un’impedenza di 8 Ohm, anche se ci sono diffusori a 4 Ohm che sono però meno indicate per la resa ottimale di questo tipo di impianti.
• La sensibilità o efficienza: misura la capacità di reazione dell’altoparlante a un segnale applicato di una data potenza. Più è alta la sua sensibilità più produrrà vibrazione sonora a maggiore ampiezza con minore potenza applicata. Si misura in dB ed esprime la pressione sonora espressa alla distanza di 1 metro con 1 watt di potenza.

Nonostante tutte le specifiche tecniche che possono essere valutate in via preliminare, l’ascolto personale resta in realtà l’unico vero metro di giudizio. Ciascuna cassa acustica ha una risonanza e una qualità sonora particolare che non può essere descritta da misure e valori tecnici: solo l’orecchio umano e il gusto personale può discriminarle. Chi ama i bassi profondi e le sonorità calde può preferire un certo modello di diffusore, mentre un altro ascoltatore che resta affascinato dalla cristallinità degli acuti può preferire una cassa acustica molto più brillante e dai suoni meno pastosi. Consiglio imprescindibile è dunque quello di ascoltare i diffusori con attenzione e in un ambiente adatto in cui non ci siano suoni sovrapposti da altre sorgenti sonore, magari pilotandoli con lo stesso tipo di amplificatore che si è scelto di acquistare.

Importante è anche tenere presente la collocazione degli altoparlanti nella sala di ascolto. La presenza di tendaggi, di mobili, di particolari forme della stanza così come la distanza delle casse acustiche dalle pareti, dal pavimento e dal soffitto sono tutti fattori che condizionano la qualità del suono così come viene percepito dall’ascoltatore, alterando in modo più o meno marcato il risultato finale come era stato inteso per esempio in fase di scelta nella sala dedicata del negozio specializzato. In linea di massima l’ascolto migliore si ottiene in sale in cui le pareti sono schermate da tendaggi che agiscono come componenti fonoassorbenti in grado di smorzare le riflessioni spurie che sovrapponendosi al suono originario lo soffocano e lo deteriorano. Tra l’ascoltatore e i diffusori non devono trovarsi ostacoli di nessun tipo – niente sedie, poltrone, tavolini o altri oggetti – mentre è conveniente distendere un tappeto davanti alle casse per assorbire le riflessioni sonore generate dal pavimento. Le due casse devono essere collocate in modo da comporre con l’ascoltatore un triangolo equilatero. Se la posizione degli altoparlanti per le basse frequenze non influisce sulla resa – come si è detto l’orecchio umano non è in grado di individuare la provenienza dei suoni più gravi – è importante che quelli a frequenza maggiore (medi e alti) siano collocati all’altezza del viso dell’ascoltatore; a questo fine degli stand ad altezza regolabile sono consigliabili, anche per isolare la cassa dal suolo e prevenire delle risonanze indesiderate da parte del pavimento. I diffusori poi dovrebbero essere distanti dal muro retrostante almeno mezzo metro, per impedire che si creino sacche di risonanza spiacevoli. Se disponete di un impianto con subwoofer e satelliti è possibile regolare la forza dei bassi posizionando il subwoofer più o meno vicino a una parete nuda: maggiore è la prossimità alla parete più questa entrerà in risonanza con i suoni a bassa frequenza prodotti dal subwoofer producendo un effetto di maggiore amplificazione di questo intervallo di frequenze.

Come ultima avvertenza, attenzione ai cavi di collegamento degli altoparlanti: una coppia di diffusori di elevata qualità può lavorare bene solo in presenza di un segnale adeguato, che viene trasmesso mediante un cavo specifico, molto grosso e ben schermato, che si trova in vendita presso i negozi specializzati.



prodotti in offerta
Tutte le offerte di oggi proposte da migliorscelta. Scoprile al volo

Cerca per Marca

 
© 2006 - 2014 Migliorscelta.it | Termini di utilizzo | Privacy
Copyright 2006 - 2014 Digital 2000 Srl - tutti i diritti riservati - P.IVA 06868120152
E' espressamente vietato riprodurre e diffondere, integralmente o parzialmente, i contenuti del sito senza autorizzazione scritta della Digital 2000 Srl.
E' possibile richiedere l'autorizzazione scrivendo a: info@digital2000.it . I prodotti e i marchi citati sono di proprietà dei rispettivi titolari